libro


 9788855010993.jpg

GIOVANNI CASTALDI

 

FU BELLO NAVIGARE
CON UNA DELLE 7 SORELLE

 

COLLANA: Percorsi Narrativi
F.to 16x23, pp. 480, Euro 22,00
(Ed. 12/2020) Cod. ISBN 978-88-5501-099-3

 

IL TESTO E L’AUTORE

  Quando uno diventa nonno ed i nipoti ti chiedono di raccontar loro una storiella o una favola scopri quasi sempre di essere impreparato e soprattutto incapace di assolvere a quel meraviglioso compito di renderli felici. Fu così che mi venne in mente di inventarmi di un tale “marinaretto” che, nato in un’isola, ben presto aveva lasciato la sua casa sull’acqua ed iniziato ad andare per il mondo su una nave a vela. Da sempre avevo considerato la mia vita di mare e gli eventi che l’avevano accompagnata come cose del tutto normali e, anche se non banali, comunque non degne di troppa attenzione o di curiosità per gli altri. L’interesse che questi avvenimenti, per quanto raccontati in chiave fantastica, avevano generato in una bambina mi sorpresero molto e ne rimasi colpito, fu un invito a riflettere sulla mia innata reticenza a parlare di me, dei miei sentimenti, dei miei dolori, del mio lavoro, delle mie sconfitte e soprattutto delle mie personali considerazioni politico-sociali su eventi in cui mi ero imbattuto nel corso della vita. La decisione di scriverli in terza persona ha l’intento, per quanto possibile, di riuscire a smarcarmi da quella che normalmente è intesa come “una mera biografia”, cosa che più si addice ad un personaggio importante o a qualcuno che ha avuto un posto significativo nella Storia.

                                                                                           (dalla Prefazione dell’Autore)

 

  GIOVANNI CASTALDI è nato a Porto Azzurro (isola d’Elba) e dal 1994 vive a Roma. Nel 1964, dopo aver frequentato l’Istituto Nautico di Livorno, ha iniziato a lavorare su navi mercantili italiane e a partire dal 1967 è entrato nella flotta internazionale della multinazionale Esso/Exxon dove ha completato la sua carriera nel 1984, quando la flotta con equipaggi italiani fu messa in disarmo. Nominato Comandante nel 1976, nel 1980 è stato nominato “Comandante permanente” della Esso Atlantic, la nave ammiraglia della flotta, a quei tempi la seconda nave più grande mai costruita. Durante la carriera, ha seguito la costruzione ed allestimento di tre grandi navi, inclusa la Esso Atlantic, e dal 1984 ha lavorato negli uffici di New York, Buenos Aires, Dahran (Arabia Saudita), L’Aia, Londra e infine Roma. Il 1° maggio 2005 è stato nominato “Maestro del Lavoro” dal Presidente Ciampi.